Come prendere appunti

Come prendere appunti efficacemente durante le lezioni, anche sui tablet

Per eccellere a scuola, all’università come nel lavoro, non basta studiare ed avere un buona memoria, ma è spesso fondamentale ed importante saper prendere gli appunti mentre il professore, il nostro datore di lavoro o un esperto tiene una lezione, un corso oppure un seminario. Ed allora, come prendere appunti in maniera efficace?

L’importanza di seguire le lezioni per prendere appunti

Ebbene, prima di elencare i metodi efficaci per prendere appunti è bene ricordare che spendere bene il tempo a lezione è fondamentale in quanto ogni minuto ben speso in aula equivale a molto tempo risparmiato per studiare. Ecco perché la comprensione e l’apprendimento a lezione, ed il prendere appunti in maniera efficace, permettono di preparare un esame in minor tempo e con minor fatica.

Come sistemare gli appunti

Al termine di una lezione, per esempio all’università, spesso si torna a casa con gli appunti che sembrano in tutto e per tutto un ammasso informe, con la presenza magari di frasi scritte in un italiano approssimativo. Ed allora, utilizzando il bordo sinistro dei fogli, già quando si prendono gli appunti si può fare ordine utilizzando tre simboli, la parentesi aperta e quella chiusa (), l’asterisco * ed il punto di domanda ?.

Nel dettaglio, tra parentesi si possono mettere quelle frasi o quella porzione di appunti che necessita di approfondimenti sui testi in quanto non si è riusciti a prendere tutte le informazioni utili. Con l’asterisco si possono indicare le parti più importanti che sono emerse nel corso della lezione, mentre con il punto di domanda andremo ad identificare quelle parti degli appunti per quali i concetti sono poco chiari.

In questo modo, specie utilizzando dei pennarelli di colore diverso da quello utilizzato per scrivere, gli appunti presi si potranno usare al meglio per poi andare ad integrare e ad approfondire ogni concetto, ogni tema ed ogni argomento utile sui testi che sono consigliati dal professore.

Come prendere appunti: il metodo Cornell

Un altro metodo utile per prendere appunti, ideale per le riunioni di lavoro, ma anche per i corsi intensivi e per i seminari, è il cosiddetto metodo Cornell che prevede la suddivisione del foglio in tre parti come segue: la parte centrale, detta ‘Note Taking Area’, che è quella dove si prendono gli appunti; la ‘Cue Column’ che è uno spazio laterale a sinistra da lasciare vuoto e da riempire al termine della lezione indicando e sintetizzando quelli che sono i concetti principali presenti negli appunti di pagina; i ‘Summaries’ rappresentati da una sezione orizzontale in fondo alla pagina che serve per sintetizzare con un paio di frasi il contenuto della pagina di appunti.

Prendere appunti con iPad e Tablet Android

Finora abbiamo parlato di come prendere appunti con carta e penna, ma naturalmente è possibile prendere appunti durante le lezioni anche con ogni tipo di device oggi a nostra disposizione, come per esempio un iPad, un tablet Android o un computer. Per prendere appunti con questi strumenti bisogna usare programmi di videoscrittura come Word oppure Open Office e, a meno che non siete velocissimi a scrivere con la tastiera, dovete scrivere velocemente le frasi più importanti per non perdere troppo tempo e restare indietro. Poi, dopo le lezioni, con calma, potrete andare ad integrare ciò che avete scritto con le parti mancanti, servendovi magari di un libro o di Internet.