vivere in svizzera

Vivere in Svizzera: come andare a lavorare in Svizzera e cambiare vita

Sono in netta crescita gli italiani che decidono di andare a vivere in Svizzera perchè vogliono cambiare vita. Senza alcun dubbio, la Svizzera viene scelta oltre che per opportunità che offre anche per il fatto che si trova molto vicino all’Italia. Tra le altre cose, è necessario che si tratta di un Paese che, almeno in apparenza, non conosce crisi. In merito a ciò, è opportuno fare alcune precisazioni.

Pur essendo vero, infatti, che la qualità della vita in Svizzera è più alta di rispetto a quella italiana, è altrettanto vero che il costo della vita lo è altrettanto e che, dunque, prima di decidere di trasferirsi in Svizzera è necessario capire bene in quale contesto lavorativo inserirsi. In ogni caso, si tratta comunque di un Paese in cui si ha la possibilità di cogliere al volo moltissime opportunità. Ma vediamo di scendere più nel dettaglio e di capire se conviene davvero andare a vivere in Svizzera per cambiare vita e, soprattutto, per fare fortuna.

Andare a vivere in Svizzera e cambiare vita: ecco tutte le opportunità

Per prima cosa, è necessario tenere conto del fatto che in se volete andare a vivere in Svizzera si parlano ben 4 lingue: francese, tedesco, italiano e romancio. Come è facile intuire, dunque, se si conosce almeno una di queste 4 lingue si hanno molte più possibilità di inserirsi nei vari contesti lavorativi. Ovviamente, nel caso in cui la lingua conosciuta fosse solo l’italiano sarebbe il caso di soffermarsi solo ed esclusivamente sul Canton Ticino. Proprio nel Canton Ticino, infatti, si parla solo ed esclusivamente l’Italiano. Per quanto riguarda l’inglese, poi, è opportuno tenere conto del fatto che questa lingua è richiesta solo nel caso in cui si intenda lavorare per aziende che operano a livello internazionale.

Per quanto riguarda, poi, le opportunità lavorative in Svizzera, in primo luogo è opportuno fare presente che tutti i cittadini dell’Unione europea possono tranquillamente recarsi in Svizzera senza dover richiedere alcun genere di permesso particolare. In ogni caso, è necessario ottenere il permesso di soggiorno. Tale documento deve essere richiesto all’ufficio immigrazione entro 14 giorni dall’entrata nel Paese. Si tratta, comunque, di una procedura molto semplice. Oltre a tale permesso, è necessario procurarsi un permesso cosiddetto di dimora. Tale permesso può essere di tipo L, B, C, G.

Il permesso L serve a tutti coloro che hanno deciso di trascorrere in Svizzera solo un periodo di tempo non superiore a 12 mesi. Per ottenerlo basta dare prova del fatto che si ha un contratto di lavoro. Il B, invece, serve a tutti coloro che devono rimanere in Svizzera per un periodo più lungo. Esso, infatti, ha una durata massima di 5 anni. Il permesso C, invece, vale da 5 a 10 anni ed è ideale per chi ha necessità di rimanere in Svizzera a lungo. Il permesso G, infine, è pensato esclusivamente per i frontalieri che hanno necessità di svolgere attività cosiddette lucrative in Svizzera.

Come andare a lavorare in Svizzera, ecco i consigli per cambiare vita

Senza alcun dubbio, la cosa migliore da fare prima di recarsi in Svizzera se si ha intenzione di andare a lavorare in tale Paese è fare una ricerca accurata inviare il proprio curriculum. Le opportunità, infatti, sono davvero moltissime e la cosa migliore è riuscire a fissare qualche incontro prima di fare i bagagli. I portali che offrono questo servizio sono moltissimi e, pertanto, si ha la possibilità di farsi un’ide piuttosto chiara in merito al da farsi. A questo punto, non resta altro da fare che farsi coraggio e cercare di individuare tutte le reali opportunità che questa meravigliosa terra offre a chi decide di andarci a vivere per un periodo di tempo più o meno lungo.