Come fare mappe concettuali

Mappe concettuali per la scuola: il miglior metodo per orientarsi nello studio

Per rendere più agevole e per orientarsi al meglio nello studio, chi frequenta la scuola media, ma anche le scuole superiori e l’università, è sempre alla ricerca del miglior metodo per studiare bene e nel minor tempo possibile. A riguardo, uno dei metodi migliori per orientarsi nello studio è rappresentato dalle mappe concettuali, ma cosa sono? Ecco come fare le mappe concettuali manualmente o tramite i migliori software presenti in rete.

Mappe concettuali, strumento potente per schematizzare gli argomenti 

Ebbene, le mappe concettuali sono di norma un ottimo strumento per studiare, specie per chi ha problemi nella memorizzazione, in quanto si tratta di un metodo che permette di andare a schematizzare gli argomenti che si devono studiare. Nel dettaglio, una mappa concettuale si compone di un insieme di due elementi rappresentati dai nodi concettuali e dalle relazioni associative.

Mappe concettuali a scuola, i nodi e le relazioni associative

Nel dettaglio, il nodo concettuale, da raffigurare nel foglio con una figura geometrica, identifica le parole ed i concetti chiave relativi all’argomento che si sta studiando. Le relazioni associative, da raffigurare con delle ramificazioni, ed in particolare con delle frecce, vanno invece a collegare tra di loro i diversi nodi concettuali.

In altre parole con le relazioni associative vengono individuati i nessi logici che si vengono ad instaurare tra i concetti. Inoltre, alla freccia che identifica una relazione associativa, per completezza e per una migliore leggibilità, può essere associata un’etichetta con la quale si va a spiegare la relazione che intercorre tra i nodi concettuali.

Mappe concettuali per la scuola, i vantaggi ed i software

Se ben utilizzate, le mappe concettuali permettono di memorizzare velocemente, di apprendere e di far propri i concetti e le nozioni, e di stimolare la memoria a lungo termine con il vantaggio che quanto studiato sarà ricordato a distanza di tempo, anche per anni. Trattandosi di una schematizzazione grafica, prima di realizzare le mappe concettuali è necessario identificare, tra gli argomenti da andare a studiare sui libri, quelle che sono le parole ed i concetti chiave che per comodità possono essere sottolineate con un evidenziatore.

Per realizzare e poi stampare le mappe concettuali, perfette sotto ogni punto di vista, è possibile anche utilizzare il PC scaricando dei software appositi. Uno dei software più conosciuti per la realizzazione di mappe concettuali è XMind che, attualmente nella versione 7, si può scaricare gratuitamente nella versione base dal sito Internet Xmind.net per Windows, per Mac e per il sistema operativo Linux.